Stato

35.1 – DNA Alieno

Una sera sei con due cari amici a sorseggiare birra, la prima Noel 2014, nel tuo locale preferito (*).
Piove a Bologna, c’è un umido che farebbe impazzire di gioia una salamandra, ma essendo tu umano o giù di lì, non è esattamente il tuo clima ideale: dentro il locale fa caldo, fuori piove e fa umido. Fai quindi un po’ dentro un po’ fuori per prendere aria, asciugarti le ossa, fumare…

Ed è fra una sigaretta, qualche battuta e un sorso di birra che tendi l’orecchio ad ascoltare i discorsi che scorrono attorno a te.

“Io sono convinto – dice un ragazzone castano, seduto sulla panchetta davanti alla vetrina – che gli umani non sono del tutto terresti, che hanno una parte di DNA alieno. Sono troppo distanti dalle altre creatura della terra e la prova sono i capelli. I capelli dell’essere umano crescono solo in testa, crescono più in fretta del pelo degli animali e non smettono mai di crescere! E poi l’uomo si rigenera molto più in fretta di tutti gli altri animali…”

Sto sbevacchiando con un fisico ed un ingegnere gestionale. Io sono un’economista in metodi quantitavi, di professione faccio l’informatica. (Lo so sembra una barzellatta. “ci sono un fisico un ingenere e un informatico…”) Insomma siamo tre brutte bestie, tre materialoni cartesiani. Tutti e tra evidentemente cogliamo la frase, la conversazione si blocca d’istante, tendendo le orecchie. Tutti e tre sgraniamo gli occhioni, tra lo stupito e il ridanciano. Tutti e tre deglutiamo in fretta il nostro sorso di Noel, per non soffocare.

“Anche i leoni, allora, sono alieni” dico io.

“E le carote sono la panacea per i difetti agli occhi. Infatti non ho mai visto un coniglio con gli occhiali” dice l’ingegnere.

Il fisico si limita a ridere, dietro agli occhiali.

(*) La tana del Luppolo, regno di JB a Bologna.

PRIMA LEGGE FONDAMENTALE DELLA STUPIDITA’ UMANA

Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione:
a) persone che reputiamo razionali ed intelligenti all’improvviso risultano essere stupide senza ombra di dubbio;
b) giorno dopo giorno siamo condizionati in qualunque cosa che facciamo da gente stupida che invariabilmente compaiono nei luoghi meno opportuni.
E’ impossibile stabilire una percentuale, dato che qualsiasi numero sarà troppo piccolo.

[Le leggi fondamentali della stupidità umana – Prof. Carlo M. Cipolla]

Un breve saggio che non mi stancherò mai di citare, leggetelo, se non siete voi gli stupidi

Annunci
Citazione

34.1 – Sbagliamo perché viviamo

Mi scrivono via e-mail:

L’ispetto re Petra è un personaggio che un po’ ti assomiglia (Dal libro nido vuoto della Alicia Gimenez Bartlet)

Purtroppo sbagliamo sempre continuamente, a ogni passo e in ogni campo, nel lavoro come nell’amore, nelle valutazioni degli altri come in quelle di noi stessi……E sai una cosa? Non importa, va bene così. Sbagliamo perchè viviamo, perchè cerchiamo di essere felici, perchè giochiamo le carte che il destino ci mette in mano. E’ questo che conta, molto più che rimanersene tranquilli nel proprio guscio come molluschi.

Si, l’ispettore Petra mi somiglia.

Citazione

12 – dialogo immaginario alla fermata dell’autobus

<<Fermati. Fermati e guardami.

Esci, per una volta, esci da quel beffardo succede. Appoggia l’armatura sul muro, togliti anche la cotta di maglia, e smetti, per un attimo di scherzare.

Raccontami come, com’è stato il giorno in cui il mondo ti è esploso in mano. Quando hai dovuto sederti per terra, perché le ginocchia tremavano troppo. Quando il cuore è impazzito e il fiato, tra i denti stretti tanto da scricchiolare, si è spezzato. Quando hai stretto forte le palpebre sui tuoi occhi cangianti per fermare le lacrime, perché oramai sei grande, perché sei sempre stato un pilastro. E i pilastri non piangono, neanche quando si schiantano al suolo e si sbriciolano in migliaia di frammenti.

Raccontami di quella telefonata, che hai fatto, quando il cervello ha cominciato a girare in tondo, attorno alla poltiglia di carne e sangue che un giorno chiamavi anima. Quante volte hai chiesto – urlando come un animale ferito a morte – perché, incapace di capire?

Raccontami dei pensieri che sono stati l’eco dei tuoi passi la notte. Dimmi della rabbia che ti ha fatto slogare i polsi sui muri e della paura che ti ha inchiodato ad un pilastro incapace di muoverti, del tormento della mente che non ha rallentato mai  lasciandoti insonne per giorni. Spiegami. Raccontami dell’inumana fatica del primo passo che hai mosso dopo l’atomica, e di tutti quelli seguenti, che continui a mettere.>>

<<Non sono stati giorni diversi dai tuoi. Succede a tutti. >>

<<E poi?>>

– Poi passa. Passa tutto prima o poi.

————————————————————————————————————–

PS: Questo articolo è rimasto tra tastiera e rete per molto tempo, è ora di lasciarlo libero.

Digressione

5.1 – Dialogo con l’amore

Capita a volte di avere dei dialoghi coll’amore, l’amore in sé. L’amore – che si traveste spesso da dolce bambino alato – è spesso una creatura crudele (non per nulla esiste il concetto di Eros e Thanatos) che di diverte a giocare con le nostre debolezze: ti lusinga, ti inorgoglisce, ti ricatta e poi se riesce di abbatte. Insomma è un vampiro.

L’ultima volta che ho l’ho incontrato era vestito del velluto luccicante di una notte di gennaio.

ti va di giocare? – mi chiese. Accettai di giocare con lui per un po’ e da allora abbiamo fatto un bel pezzo di strada insieme.

ti va di rinunciare alla tua tranquillità? – continuò. Con un sorriso furbetto feci volare la mia tranquillità dalle scale.

ti va di rinunciare a quello che hai? – rincarò le cose. Forte del mio coraggio raccolsi i miei quattro stracci e lo seguii.

Un giorno poi mi chiese – ti va di rinunciare a i tuoi sogni? – E con le lacrime agli occhi chiusi i miei sogni in un baule di metallo e li seppellii dove potessero dormire per sempre al caldo.

Quando poi mi chiese – ti va di rinunciare a quello che sei? – Il mio orgoglio ha preso l’amore e l’ho buttato giù per le scale, gli ha fatto fare fagotto e lo ha chiuso in un baule seppellendolo dove avrebbe potuto giocare da solo con Thanatos per il resto dei tempi. Forse non era la risposta che si aspettava.

Ho imparato che bisogna saperlo prendere, Cupido, e saperci giocare come si gioca con un cucciolo di tigre: con l’armatura addosso e la frusta a portata di meno. Soprattutto quando si incontra Cupido, occorre tener bene le redini del dialogo.

You put me on a line and hung me out to dry 
Darling that’s when I decided to go to see you 
You cut me down to size and opened up my eyes 
Made me realize what I could not see 

(Coldplay – Swallowed In The Sea)