Digressione

33.1 – BoBo vorrei ma non posso…

Il BoBo (crasi di Bourgeois-Bohème) è, per definizione, un parigino di ceto agiato, tendenzialmente di sinistra, tendenzialmente ecologista, individualista e egoista, tendenzialmente hi-tech, apparentemente tollerante, alla moda ma non troppo. Baluardo del melting-pot mi mischio ma non troppo, dell’alternativo tout court, dello snobbismo culturale ma celato e perennemente malato di sindrome di superiorità. Questa per lo meno ne è grossomodo la declinazione francese.

La declinazione italiana del BoBo, non è altro che la versione sfigata del cugino francese. Perché chi in Italia ha redditi da BoBo d’oltralpe  (> 100.000 € l’anno) indugia nella vita da vecchio borghese: figli, macchinone, scuola privata, tata, vestitino d’Armani… Quini a fare i BoBo restiamo noi.

  • Abbiamo 30-45 anni (come i cugini),
  • viviamo da soli o in piccoli branchi (per rispetto del territorio e del diritto di tutti ad avere una casa, per la compagnia o più verosimilmente perchè siamo poveri in canna)
  • Abbiamo uno smartphone più grosso di noi attaccato alle dita (pagato a rate) in cui pianifichiamo gli appuntamenti, segnamo la lista della spesa, archiviamo le cose importanti e soprattutto giochiamo a candy crush saga
  • Sembriamo sempre usciti da una asciugatrice, perché occuparsi troppo della moda e dell’aspetto è dozzinale, ma siamo grossomodo firmati e soprattutto non possiamo permetterci una colf e un’estetista / parrucchiere tutte le settimane
  • Abbiamo gli hobby che gli altri non hanno (il kendo, i giochi da tavolo, la ceramica, il cinema d’essai) un po’ perché ci piace davvero così, un po’ per spirito di gruppo un po’ perché la massa proprio quella ci fa schifo. E a noi piace elevarci dalla massa, ci piace provare schifo.
  • Abbiamo settecento paranoie che ci rendono speciali: allergie all’ozono, ideologie deliranti, religioni improbabili.
  • Mangiamo roba improbabile quando ce ne ricordiamo: i polli che finiscono nel nostro pancino erano polli felici che dormivano su trespoli di argento, i pesci sono stati pescati e congelati alla fonte in un oceano iperpulito dall’altra parte del globo, il cioccolato è di Gobino o al più di Modica, i tortellini sono stati fatti a mano dalla ‘sdaura centenaria, e il whisky ha fatto almeno tre volte il giro del globo in una botte di seta prima di giungere sulla nostra tavola. La birra che beviamo è esclusivamente artigianale, e il vino è sempre DOC. Ovviamente per poterci permettere tutto questo poi beviamo l’acqua del rubinetto e pranziamo a insalata alla mensa aziendale (se pranziamo, a volte no, specie verso fine mese)
  • Abbiamo lavori altisonanti, che pagano poco, ci occupano tantissimo tempo e nessuno riesce mai esattamente a capire esattamente di cosa ci occupiamo: siamo i social media manager, i personal trainers, i business analyst, i family bankers….
  • Facciamo la raccolta differenziata e siamo profondamente preoccupati per il futuro del nostro pianeta, in fondo non abbiamo nulla di meglio di cui preoccuparci…
  • Abbiamo sporadiche vacanze alternative ma parimenti (o più) costose: andiamo a piedi dove gli altri vanno in macchina, andiamo da soli dove gli altri vanno nei viaggi organizzati, soggiorniamo in hotel extra-lusso e super silenziosi dove gli altri stanno nei villaggi turistici
  • Siamo le divinità segrete delle relazioni instabili, esempi viventi – per non-scelta, per paura o per sfiga, per perenne sindrome di trilly o di Peter Pan – del LAT(1)  e del DINKS(2) , nonchè grandi apostoli del ‘non sai quanto è bello stare da soli’ e del ‘non mi sento pronto per una storia seria’.
  • Abitiamo mansarde microscopiche in centro perché sono intime e comode, case sperdute nella pianura perché amiamo la natura, o appartamenti pluri-single perché ci piace la compagnia, e non diremmo mai di non poterci permettere un’abitazione come dio comanda, non con tutti i vizi di cui sopra…

Insomma affrontiamo la vita come se fosse un grande hobby, un giocattolone che facciamo un po’ fatica a permetterci. Criticateci, voi che potete. Noi siamo troppo impegnati a non prenderci troppo sul serio.

(1) LAT : Living Apart Together – coppie relativamente stabili che decidono di vivere in abitazioni separate anziché eleggere una comune dimora (per mantenere i propri spazi, per tenere fresca la relazione, per il gusto dell’attesa del tempo speso assieme, per tenere il piede in due luoghi, per mantenere la propria autonomia, per evitare commistioni finanziarie, per non avere obblighi di gestione etc etc)

(2) DINK(Y): Dual Income, No Kids (Yet) – Coppie che, avendo due stipendi, non hanno avuto (ancora) figli e pertanto posso liberamente avvalersi di un tenore di vita superiore alla media e permettersi sfizi.

 

Annunci