Stato

17.3 – Come Vil Coyote

Oggi

Mi hanno rubato nottetempo la bici. Dal cortile interno. La mia cazzo di bici, arrugginita, scalcagnata, e pesante come una Twingo. Ma ci tenevo. Era un ricordo degli anni passati in Pinin. Spero vi morta i garretti con la catena, come ha sempre fatto con me.

Una cretina al bar, a colazione, pensa bene di girare per la sala con il suo bel caffé in mano. Pensa bene di passare davanti alla cassa con il suo caffé bollente. In quel momento, esattamente in quello, finisco di pagare mi giro e parto verso la porta. La catastrofe è inevitabile: il caffé si ribalta in un’esplosione marrone che ricopre entrambe. Non era troppo caldo, per fortuna. Salgono gli improperi: ‘ah il vestito nuovo’, ‘ah mi sono scottata’, ‘ah ma uno deve fare attenzione e guardare prima di muoversi’. Rispondo ridendo che se avessi gli occhi dietro la testa sarei un ragno e non un umano e mi offro di pagare un altro caffé. La risposta della tipa è la seguente ‘non sono mica così mal messa da non potermi permettere un altro caffé’. Ok, il caffé te lo puoi permettere, ma evidentemente un po’ di educazione è fuori dalla tua portata. Sorrido sardonica, vado a lavarmi via il caffé ed esco. Fanculo.

Ieri

Rientrando da vedere, sotto le stelle in Piazza Maggiore (spettacolo impagabile), Fahrenheit 451 mi fermo a comprare la paglie alla macchinetta. Mi attacca una pezza un tipo _molto_ strano, a cui avvio la distributrice con la mia carta sanitaria. E scappo, alla seconda avance (sarei scappata alla prima, ma me ne ha fatte due in un colpo, che culo). Lo ritrovo al bar della stazione che cerca di convincere un ragazzetto punkabbestia ad andare a casa con lui. Altro fugone, con gli occhi sgranati.

Arrivo a casa e scopro che le iene (al secolo noti come gatti, visto il travestimento che indossano), tra tutti i luoghi possibili dove potevano immaginare, hanno deciso di vomitare esattamente sopra le mie scarpe belle, quelle di pelle, quelle che costano un botto. Rovinandole credo irrimediabilmente. Sto programmando di vendicarmi vomitando a mia volta sul loro giochino preferito. Così imparano.

L’altro ieri

Il famigerato Bologna Centrale – Torino Porta Nuova è fermo a Porta Susa. E’ fermo da un po’. Non riparte e comincia a prendermi l’ansia di non arrivare dai miei, che mi stanno aspettando, in tempo per pranzo. Dopo dieci minuti buoni, mi convinco a chiedere informazioni: qualcuno si è sentito male sul treno e stanno aspettando l’arrivo del 118. Ciau Nini. Mi rassegno, e vado verso la metropolitana, in fin dei conti il tragitto tra Porta Nuova e Porta Susa conta una manciata di fermate. Si può fare. Ma… Ma la metropolitana è rotta. Non gira, è in manutenzione. Riemergo dal sottosuolo torinese sospinta dalle bestemmie che emergono dal mio subconscio e prendo due autobus arrivando ovviamente in ritardo per pranzo.

Venerdì

Mi cambiano il capo ufficio. Il che manda ragionevolmente a zampe all’aria tutti i miei progetti di rientro. Tutto da ridiscutere, tutto da rifare. Una vita in sala d’attesa. Che palle.

Conclusioni

Lo so, è una lamentazione greca. Ma mi viene il dubbio che io abbia un cattivo Karma. E pensare che il 2014 avrebbe dovuto essere un’anno meraviglioso almeno nelle mie fantasie. Quando viene capod’anno?

Io mi sento come Vil Coyote

che cade ma non molla mai

che fa progetti strampalati e troppo complicati

e quel Bip Bip lui non lo prenderà mai

Ma siamo tutti come Vil Coyote

che ci ficchiamo sempre nei guai

ci può cadere il mondo addosso finire sotto un masso

Ma noi non ci arrenderemo mai

(Eugenio Finardi – Vil Coyote)

 

Annunci

4 pensieri su “17.3 – Come Vil Coyote

  1. Anche a me ne capitano di tutte i colori ma non mollo mai come Vil. Tanti dicono che i più sfortunati (se così è giusto chiamarci) sono i più forti perchè sanno affrontare ogni situazione, secondo me è solo un’amara consolazione, qualche botta di fortuna non mi dispiacerebbe affatto!!

  2. woo ha detto:

    @sensazionianonime: sto aspettando che la fortuna arrivi. Si fa desiderare ma io sono molto paziente.

    @massimolegnani: se tu conoscessi le mie iene, sapresti che si, sono proprio così infami da essere vendicativi a priori… è un brutto mondo.

    @Badev quella della macchinetta che non eroga è una costante della mia vita, quindi vado al bar. Dove oggi non c’era la mia merendina preferita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...